Militanti della causa animale? Sono criminali itineranti

animLa stampa tedesca ha rilevato uno studio commissionato dall’Unione Europea; quest’ultima vorrebbe, negli anni a venire, impedire lo spostamento sul territorio europeo dei militanti e attivisti della causa animale. L’Europa sta preparando una legge che vieterà lo spostamento sul suolo europeo di attivisti che difendono la causa animale allo scopo di impedire lo sviluppo di un’internazionale europea su questo soggetto. Questo studio, di cui alcuni estratti sono stati appena pubblicati dalla stampa tedesca, esprime perfettamente quello che gli attivisti della causa animale rappresentano per le istituzioni europee:attivisti descritti come “Criminali Itineranti”. Difendere i diritti degli animali é vista dall’Unione Europea come un’azione criminale che la legge deve punire per impedire la sua proliferazione. L’espressione di “Criminali Itineranti” é esplicitamente utilizzata in questo studio che annuncia il peggio in materia di repressione nei confronti dei militanti per i diritti degli animali.

L’Unione Europea andra’, negli anni a venire, nel senso di una criminalizzazione del movimento per la difesa degli animali, utilizzando tutti i mezzi repressivi di cui dispone, rischiando di mettere in discussione le libertà individuali e pubbliche, questo al fine di privilegiare e difendere in tutti i modi possibili gli interessi economici delle aziende che operano e che vivono di questo sfruttamento scandaloso degli animali. L’U.E. si schiera chiaramente dalla parte di chi si serve degli animali come attività economica associandosi al capitalismo piu’ violento. E’ la democrazia stessa che é messa in discussione con una tale legge che vieterà qualsiasi raduno per denunciare le imprese o le istituzioni che violano apertamente gli interessi degli animali ed i loro diritti.

L’Europa é quindi in azione per uccidere l’idea di democrazia e di libertà d’espressione che costitui uno dei punti d’orgoglio.Ora sappiamo che le grandi istituzioni,nazionali ed internazionali, come le istituzioni politiche, giuridiche, scientifiche ed economiche sono i principali ostacoli ad un reale cambiamento nel campo dei diritti degli animali, questo questo progetto di legge lo dimostra ampiamente, dobbiamo denunciare il fatto che l’europa, sempre meno democratica, prevede, nel segreto piu’ assoluto, questa inaccettabile limitazione delle libertà individuali, pubbliche e la libertàd’espressione.

Gli attivisti della causa animale, che fanno chiaramente paura all’Europa, sono e saranno sempre piu’ sorvegliati. E’ la democrazia che é in pericolo con questo disegno di legge che mira a vietare la nostra libertà di movimento sul territorio europeo. La nostra libertà d’espressione, senza la quale la causa animale non avrebbe alcuna possibilità di andare avanti.

Segnalazioni e approfondimentiPermalink

Leave a Reply