LIEGE A PROPOSITO DELLA CARTA « POUR UN CARRÉ QUI TOURNE ROND » E DEL NUOVO REGOLAMENTO DI POLIZIA

Intervento del consigliere del PTB al consiglio comunale di lunedi 24 febbraio a Liege Nel corso del precedente consiglio comunale svoltosi lunedi 27 gennaio,l'MR (MOUVEMENT REFORMATEUR) ha voluto dibattere circa le « 10 proposizioni per un Carrè più sicuro »:un'insieme di misure principalmente repressive (la prevenzione sembra essere stata completamente dimenticata) il cui risultato sarebbe semplicemente stato un spostamento dei problemi relativi alla sicurezza . Noi oggi dunque ci rallegriamo che la maggioranza non abbia seguito le sirene poliziesche del MR e che il testo della carta non abbia specialmente ripreso l'utilizzazione abusiva delle SAC (sanzioni amministrative comunali),di videocamere di sorveglianza parlanti e l'idea di un coprifuoco tra le proposte del MR. Noi sosteniamo ugualmente la volontà del Comune di Liege d'instaurare l'utilizzazione del sistema di bicchieri di plastica riutilizzabili nei luoghi pubblici. Noi pensiamo che questa è una buona soluzione per evitare i problemi di sicurezza legati alla rottura dei bicchieri di vetro,e nel frattempo permettere ai liegeois di approfittare ancora dei locali all'aperto e delle strade del Carrè. Ma,noi non approviamo che la città si debba caricare della spesa di 10000 gobelets (bicchieri di plastica).Noi pensiamo che i fornitori di birra, InBev in testa,possano allo stesso tempo provvedere a questa spesa cosi come già oggi provvedono alla spesa per i bicchieri di vetro. Noi ci rallegriamo delle ambizioni del Comune in materia di prevenzione circa i pericoli dell'alcool.Ci piacerebbe che le stesse ambizioni si estendessero anche alle droghe che circolano nel Carrè. Allo stesso modo,la volontà di dialogare con i giovani attraverso i social network,l'idea di una zona rifugio in materia di sicurezza o ancora l'accesso gratuito all'acqua potabile raccolgono pienamente la nostra approvazione .Noi siamo invece delusi che il testo della carta si limita a delle « riflessioni riguardanti il ritorno a casa durante la notte »I problemi di sicurezza alle 4h del mattino sono di fatto legati alla mancanza di trasporti notturni.Molti liegeios sono obbligati ad aspettare il primo bus del mattino per rientrare a casa.Noi pensiamo che il Comune di Liege ha il potere e dovere di organizzarli con la TEC. Altre città belghe ed europee ci sono arrivate.Dunque è arrivato piuttosto il momento di passare all'azione su questa questione. Noi pero disapproviamo l'estensione delle videocamere di sorveglianza nel Carrè. Pensiamo che non tutte le garanzie siano rispettate in termini di vita privata. La Lega dei diritti dell'uomo si preoccupa costantemente di queste garanzie. Il nostro maggiore punto di disaccordo riguarda il nuovo regolamento di polizia circa i night-shop. Leggendo le vostre dichiarazioni sulla stampa, « signor sindaco »anche lei riconosce che la portata di queste misure è minima. Cito quanto avete detto « Questo è chiaro che non impedirà ai giovani di venire nel Carrè in possesso di alcool,ma almeno impedirà loro di rifornirsi sul posto.Noi ci opponiamo a queste misure per più ragioni : a) come maggioranza ammette,queste misure non impediranno ai giovani di venire nel Carrè in possesso d'alcool.Questo dunque significa che i problemi di schiamazzi,di pulizia e di sicurezza saranno elargiti nei dintorni del Carrè,cioè rue saint gilles,place xavier neujean,place cathèdrale,ed anche l'insieme del centro città.Queste misure non farà scomparire la vendita di alcool nei night shop,ma la delocalizzerà. b) Queste misure rafforzano la divisione della nostra città.Non riuscirà certamente ad attirare tutta la folla di clienti giovani dei night shop nei caffè.Queste misure di fatto escludono di fatto i giovani che hanno un budget economico ridotto costringendoli a poter fare la festa altrove.Noi rifiutiamo che l'accesso al Carrè dipenda dalla taglia del portafoglio dei giovani.Il PTB non puo accettare l'omologazione delle grandi città europee a cui stiamo assistendo.Il Carrè deve conservare l'ambizione di restare un luogo di festa socialmente misto e unico per tutti i liegeios. c)In realtà,il divieto di vendere alcool 3 notti alla settimana avrà come conseguenza la chiusura dei night shop.Noi non crediamo che la chiusura di questi piccoli negozi possa sistemare alcunchè.Questo farà sicuramente piacere a degli amici gestori dei caffè che marginalmente vedranno le loro entrate aumentare,ma non apporterà alcuna sicurezza supplementare a chi fa la festa nel Carrè. Nonostante alcuni elementi positivi,ma in seguito a queste ultime riserve,il PTB si asterrà sulla carta come sul nuovo regolamento di polizia.
Belgio, Segnalazioni e approfondimenti, Permalink

Leave a Reply