Il malcostume berlusconiano irrompe alle elezioni amministrative in Belgio.

Egregia Signora Bongiovanni,

è cosa nota che le campagne elettorali non sono mai state semplici da affrontare, sia in Italia sia altrove. Spesso si ricorre a mezzi piuttosto discutibili pur di farsi pubblicitá e “blasonarsi” di qualche titolo. Questo succede più spesso quando poco si ha da comunicare ai propri potenziali elettori, ergo quando poco lavoro politico e sociale si è fatto tra una campagna elettorale e l’altra.Pensavamo che il malcostune tipico di una certa italia d’ispirazione berlusconiana non avesse attecchito all’estero ma, a quanto pare, i fatti hanno la testa dura e ci smentiscono sistematicamente.Fatta questa indispensabile premessa vorremmo porle i nostri migliori complimenti per il suo “nobile” gesto: ci vuole sicuramente un certo coraggio nell'utilizzare, per farsi propaganda elettorale, la sua carica di "Presidente du Comites de Bruxelles Branbant", dopo che tale Comites è da ANNI letteralmente MORTO, principalmente per incapacità e indifferenza dei componenti e dei presidenti che si sono succeduti.

Come ricorderà, negli anni abbiamo sollecitato, insieme ad altre forze politiche e semplici cittadini volenterosi, l’attenzione dei menbri del Comites al fine di trovare le soluzioni idonee per renderlo pienamente operativo. Come nella peggiore delle tradizioni nulla è stato fatto per assicurare un adeguato funzionamento e riaffermare quindi il suo valore fondante, cioè uno degli elementi fondamentali di espressione e partecipazione democratica degli Italiani all'estero, e non, al contrario, uno strumento nelle mani dei pochi soliti noti. Lei si firma come "Presidente" di un qualcosa che non esiste più e non ha quasi mai funzionato anche da quando la sua persona ne è la responsabile. Ci dispiace che il suo pessimo esempio possa essere interpretato come “comportamento standard” degli italiani da parte dei cittadini del Belgio.

Crediamo che il suo comportamento non abbia reso onore alla istituzione che Lei dovrebbe rappresentare. Ma purtroppo 20 anni di berlusconismo hanno lasciato strascichi di malcostune, non solo in Italia ma anche tra la comunità italiana residente all’estero. La salutiamo con l’auspicio che la nostra comunità a Bruxelles, indipendente dalle scelte politiche che esprimerà nell’urna elettorale, sappia distinguere e premiare chi combatte coerentemente malcostuni e furbizie da italietta berusconiana, contribuendo a non far tornare mai più i tempi bui da cui la nostra Italia non è riuscita ancora a risollevarsi.

Cordiali saluti

Partito della Rifondazione Comunista Partito dei Comunisti Italiani Federazione Comunista del Belgio

Politica estera, Politica Italiana, , , Permalink

Leave a Reply