Brogli nelle elezioni italiane all’estero.

Schede elettorali Articoli pubblicati su www.eunews.it http://www.eunews.it/2013/04/05/ecco-come-si-falsano-le-elezioni-allestero-ci-porti-la-scheda-e-facciamo-noi/6294 http://www.eunews.it/2013/04/04/il-mercato-dei-voti-a-bruxelles-e-una-legge-elettorale-da-cambiare/6279 Telefonata shock al patronato di Liegi: “Lasci tutta la busta e ce ne occuperemo senza problemi” Alcuni dell’Inca fanno invece propaganda (coi soldi pubblici) al Pd: “Carozza, Garavini e Cerasani” La compravendita dei voti non è l’unico modo per falsare le elezioni all’estero. Con un meccanismo in cui per votare bisogna soltanto spedire per posta semplice le proprie schede, i trucchi sono molteplici. Un ruolo centrale nelle campagne elettorali dei candidati della circoscrizione Europa lo svolgono i patronati. Si tratta di strutture presenti in maniera capillare in tutti i Paesi europei e non solo, vengono finanziate con soldi pubblici attraverso un fondo specifico presso gli istituti di previdenza, ma sono gestiti da sindacati e associazioni: la Cgil, piuttosto che le Acli o la Cisl. Il loro compito è quello di svolgere attività a sostegno dei cittadini italiani. Specialmente all’estero sono tantissime le persone, soprattutto anziane, che si rivolgono ai loro servizi per essere aiutati nelle più disparate pratiche burocratiche. E tutti questi cittadini sono solitamente registrati nei database degli istituti. Per questo i patronati rappresentano un importante bacino di voti e sono alle volte utilizzati come centri di propaganda elettorale. Una pratica illegale, in quanto utilizzare i fondi pubblici per scopi diversi da quelli per cui sono stati stanziati (in questo caso fare propaganda per partiti o persone) è un reato. Le denunce sul loro coinvolgimento diretto nelle elezioni sono tante e abbiamo potuto verificarne la fondatezza. Durante gli ultimi giorni della campagna elettorale abbiamo fatto alcune telefonate ai patronati del Belgio (che potete ascoltare nel video qui sotto) fingendoci un emigrante un po’ ingenuo in cerca di suggerimenti di voto. In un caso, quello del patronato Inas-Cisl di Liegi, città belga con altissima percentuale di italiani, la risposta alla nostra richiesta di ‘aiuto’ è stata tanto semplice quanto sconcertante. Dopo alcuni iniziali tentennamenti la donna al telefono ci ha detto: “Ci porti la busta qui, ce la lasci e facciamo tutto noi”. “Ma come, vi devo portare la scheda elettorale?” abbiamo chiesto, “No no, tutta la busta completa come l’hai ricevuta, poi verrà una persona che di solito si occupa di queste cose e vedremo noi. Senza nessun problema”. Beh, un problema ci sarebbe invece, e pure bello grosso: votare al posto di qualcun altro è un reato, e come se non bastasse un reato che viene commesso in una struttura che dipende dallo Stato italiano. È chiaro che non è possibile generalizzare e che sicuramente la maggior parte dei patronati si comporta in maniera corretta e legale, non a caso telefonando a quelli del Belgio da tutti (o quasi) ci è arrivata la stessa risposta: “Noi non possiamo fare propaganda elettorale”. Certo non è possibile dire quanti ci abbiano risposto in questo modo perché onesti, e quanti perché semplicemente non si sono fidati di parlare con uno sconosciuto al telefono di certe cose. Fatto sta che in ben due casi abbiamo ricevuto chiare e precise indicazioni di voto per partito e candidati. Sì perché la legge Tremaglia per il voto all’estero permette, a differenza del Porcellum, di scegliere i 12 deputati e 6 senatori con le preferenze e senza liste bloccate. Al patronato Inca (che dipende dalla Cgil), sempre di Liegi, alla domanda ‘volevo sapere se voi portate qualche candidato’, la risposta è stata chiara e immediata: “Noi portiamo il Partito Democratico, al Senato Carozza e alla Camera Garavini e Cerasani”. Stessa risposta al patronato Inca di La Louvière, altra cittadina con alta percentuale di italiani, “Pd, Carozza, Garavini e Cerasani”. Qui addirittura ci hanno fatto lo spelling “Carozza, con una R e due Z” vedessi mai che sbagliavamo a votare. Però poi quando abbiamo chiesto se questi fossero i candidati del patronato e se potevano aiutarci a votare ci è stato risposto: “Nono, questi ve li suggerisco io a titolo personale, il patronato non può, poi dovete decidere voi”. Se questi candidati siano o meno a conoscenza della propaganda irregolare che viene fatta a loro nome noi non possiamo dirlo. Quello che possiamo dire però è che due di loro conoscono molto bene il mondo dei patronati. Laura Garavini, deputata uscente del Pd e fresca rieletta, la più votata con 37.813 preferenze della circoscrizione Europa, come spiega lei stessa sul suo sito, nel 2000 è stata responsabile di Patronato a Berlino per poi diventare nel 2004 dirigente Uim, l’Unione italiani nel mondo. Elio Carozza è stato addirittura presidente dell’Inca Belgio dal 2001 al dicembre 2012, quando si è candidato alle elezioni. La stessa Inca che per ben due volte ci ha fatto il suo nome, con tanto di spelling. Alfonso Bianchi Leggi la prima parte dell’inchiesta sui brogli nelle elezioni all’estero: -Il mercato dei voti a Bruxelles e una legge elettorale da cambiare  
Politica Italiana, Permalink

Leave a Reply