Balzo in avanti della Sinistra comunista in Belgio

Le elezioni amministrative in Belgio tenutesi lo scorso 14 ottobre, coinvolgendo circa 8 milioni di elettori, hanno configurato un quadro politico inedito, con qualche conferma e qualche sorpresa rispetto alle previsioni della vigilia. Per prima cosa l’insieme delle forze della sinistra comunista raddoppia il numero degli eletti rispetto allo scorso turno amministrativo e aumenta i consensi in ogni singolo comune dove ha presentato delle liste. La media nazionale si attesta intorno al 6% con punte che superano il 13% nelle zone di Liegi. L’artefice principale di questa avanzata è stato il PTB , il Partito del Lavoro del Belgio, che avanza più del previsto nel nord del paese e nei grandi centri urbani, come Liegi, Anversa e Bruxelles. Lo straordinario risultato nella zona fiamminga del paese da parte del PTB e’ ancora piu’ importante alla luce dell’avanzata dell’estrema destra dell’ NVA.

In ogni caso per la prima volta in Belgio la protesta proletaria va a sinistra. Per la prima volta in Vallonia, da 20 anni a oggi, i comunisti (PTB e gli altri pezzi della sinistra comunista) superano l’estrema destra. Come sappiamo in situazioni di crisi non è affatto scontato che la protesta si incanali verso la sinistra politica, anzi è vero spesso il contrario come dimostrato di recente in grecia con l’avanzare dei neonazisti di Alba Dorata.

Ma il sapiente e continuo lavoro di radicamento politico, lavoro di massa si sarebbe chiamato un tempo, sta cominciando a dare i suoi frutti. All’interno delle maggiori lotte sociali che stanno attraversando il Belgio, come la chiusura delle acciaierie della Arcelor Mittal, la sinistra comunista e sopratutto il PTB ne è un protagonista accanto ai lavoratori, ricevendo plausi e sostegno anche da larga parte delle centrali sindacali tradizionalmente molto vicine al partito socialista.

Laddove le forze della sinistra comunista si sono presentate in liste comuni con un unico simbolo il risultato é stato migliore della somma delle singole liste. Restano margini di miglioramento per una maggiore convergenza tra il variegato arcipelago comunista (di cui fanno parte oltre al PTB anche il Partito Comunista, alcuni raggruppamenti troschista e il Partito Umanista) sopratutto in alcune aree del sud del Belgio. Diciamo che l’unitá delle forze anti-capitaliste dimostra ancora una volta di essere visto come un fenomeno molto positivo da parte dei lavoratori e dei soggetti sociali piú deboli. Buono il risultato dei compagni del PRC e del PdCI candidati in diverse liste della sinistra, che conferma l’obiettivo delle forze che fanno parte della Federazione della Sinistra di incrementare il livello di cooperazione con i partiti belga, in modo da rappresentare in maniera piú adeguata e sistematica le esigenze della comunitá migrante italiana in Belgio.

Nelle Fiandre netto avanzamento della destra dell’NVA, partito nato solo sei anni fa con un chiaro programma di estrema destra sia in politica che in economia, separatista e xenofobo, purtroppo sostenuto dalla maggior parte dei mezzi di comunicazione, che cresce e si impone pesantemente inglobando al suo interno molti personaggi di ispirazione neofascista che fino a ieri facevano riferimento al Vlaams Belang, un partito dichiaratamente neonazista.

Il partito Socialista francofono del premier Di Rupo pur soffrendo in alcune aree del paese non ha registrato il pesante calo pronosticato alla vigilia, anzi nelle sue aree storiche di radicamento del sud del Belgio registra anche qualche aumento dei consensi. Visto il buon risultato delle destre nel nord, da molti letto come una risposta alle politiche recessive e antisociali del governo DiRupo, si apre una fase di riequilibrio all’interno della coalizione di governo nazionale che riunisce quasi tutto lo schieramento politico belga in uno schema simili al governo Monti. Bene hanno fatto i verdi di Ecolo/Groen e i liberali. Una certa flessione è stata registrata in casa dei democristiani del CD&V. Il Partito dei Pirati ottiene un risultato inferiore al 2´%, recuperato sopratutto nei grandi centri urbani.

La netta avanzata delle forze della sinistra comunista, riconosciuta per forza di cose anche dai partiti maggiori e dalla stampa, apre uno scenario in cui, dopo circa un ventennio di marginalità, le forze a sinistra del partito socialista in un paese con forte tradizione socialdemocratica, stanno capitalizzando a livello elettorale il loro crescente radicamento sociale. Questo apre un ottimo orizzonte alla possibilità che la sinistra comunista belga torni a difendere i diritti dei lavoratori e dei soggetti investiti dalla crisi dagli scranni del parlamento nazionale alle prossime elezioni generali del 2014.

Maggiori dettagli sui risulati delle liste sul sito www.rifondazione.be/votocombel2012.html

Partito, Politica estera, , , , , , , , , Permalink

One Response to Balzo in avanti della Sinistra comunista in Belgio

  1. patrizia says:

    Speriamo che si arrivi finalmente ad una svolta in tutta Europa. Non é mai troppo presto, non se ne puó piú.

Leave a Reply