PITTURA, SCULTURA, CREAZIONE DI ELEMENTI DIVERSI
DI ALTOMARE QUARESIMALE



ALTOMARE
Peinture, sculpture, création de coffrets et d'élements divers


Urban art diversity et autres réalisations à découvrir
con l'Associazione Giuseppe Verdi - Aurora di Turnhout
nell'ambito del Visit - Festival interculturel
Domenica 17 maggio 2009, ore 11:00 - 20:00
Centre International, boulevard Lemonnier 171, Bruxelles



Altomare est peintre et sculpteur autodidacte. Il a présenté des expositions à l'étranger et participé à des échanges interculturels entre la collectivité italienne et belge. Certaines de ses expositions sont placées sous le patronage du Consulat d'Italie (Anvers, Charleroi, Bruxelles). Il est soutenu par l'association culturelle G. Verdi Aurora de Turnhout. (dal catalogo di Visit - Festival interculturel)



Ma chi è allora Altomare?
Altomare, o, in francese, Haute-mère, è l'artista per eccellenza, colui che è al di là delle frontiere artificiali poste dagli uomini. Insomma Altomare raccoglie gli oggetti morti prodotti dall'industria, per trasfigurarli, per dare loro vita. Facendo questo, egli è il Creatore-che-crea-senza-sosta. Non c'è che da contemplare queste sculture splendide dove si mescolano materiali in apparenza bizzarri, fatte di barre di metallo, di ruote dentate estratte da vecchi orologi, e che sono qui proposte in nuove combinazioni. Allo stesso modo si assiste alla delocalizzazione del tempo e si entra in un'altra dimensione dove solo esiste il presente. Altomare è decisamente l'artista della mescolanza, che si arricchisce di contributi di molteplici provenienze, di cui uno degli esempi più belli è la scultura intitolata Farasimba, opera dove la forza del leone (simba in Kiswahili) convive con la dolcezza del cavallo (farasi in Kiswahili), proprio come succede presso l'Essere supremo. Uomo attento, è guidato da un'intuizione, quella che è presente nei suoi pari del secolo scorso come Braque o Picasso, e che gli permette di assumere i ritmi, le forme e i colori dell'Africa. In questo senso, egli non è solamente il mare-alto, ma anche il mare-profondo e il mare-amante che dà vita al minimo oggetto trovato nell'universo. C'è un esempio migliore dell'idea cara a Kasàla: l'Africa ispirata, l'Africa che ispira? Venite a vedere qualche opera caratteristica, "venite a vedere con i vostri propri occhi, la parola raccontata induce in errore" (proverbio congolese).

(traduzione dalla presentazione in francese per Africalia)