30 Giugno 1960 – La battaglia di Genova

di Giordano Bruschi - da Popoff.globalist.it Giugno 1960: l’Msi in cerca di legittimazione organizza il suo congresso nazionale a Genova, città medaglia d’oro alla Resistenza. La popolazione si ribella e in migliaia scendono in piazza. Sono portuali, ex partigiani, operai delle fabbriche del ponente e i ragazzi con le magliette a righe che combatteranno strada per strada in scontri durissimi con le forze dell’ordine. Dopo Genova insorgeranno altre città. A seguito di tutto questo il presidente del consiglio Tambroni sarà costretto a dimettersi. Giordano Bruschi fu uno dei protagonisti di quelle giornate. Già partigiano, era segretario del sindacato dei marittimi e membro della CGIL. In seguito diventerà segretario genovese di Rifondazione Comunista. Il racconto di quei giorni in esclusiva per Popoff. La mia è una delle 100.000 testimonianze del 30 giugno 1960. Sono passati cinquantatré anni e la cronaca è diventata storia da trasmettere ai giovani di oggi. Noi della Cgil avevamo proclamato, da soli, lo sciopero contro il congresso neofascista, e contro Tambroni, appena divenuto componente della maggioranza del governo democristiano. Il decennio 1950/ 1960 era stato duro per gli operai, licenziamenti, negazione dei diritti, accentuato sfruttamento mentre nasceva il “miracolo economico “dei padroni. I fascisti ottennero dalla Dc il premio del riconoscimento e della riabilitazione, col congresso neofascista del 2 luglio a Genova, (città medaglia d’oro della Resistenza), presieduto da Emanuele Basile assassino degli antifascisti Guglielmetti, Bellucci, Lattanzi, Mirolli; torturatore massacratore del giovane Giacomo Buranello; deportatore in Germania, il 16 giugno 1944, di 1600 operai lavoratori delle fabbriche in lotta: SIAC, Fossati, San Giorgio, Ansaldo. Fu un operaio, Giulio Bana a lanciare l’appello sull’Unità del 5 giugno ’60 “compagni”, scrisse, “ritornano i fascisti come nei giorni della repressione sui monti, accogliamoli come abbiamo saputo fare da garibaldini e partigiani”. continua a leggere http://www2.rifondazione.it/primapagina/?p=5392
ResistenzaPermalink

Leave a Reply